Sei qui
Home > Campionato 2017/2018 > Salvi: “Settebagni è come una seconda famiglia…..obiettivo salvezza con un grande gruppo”

Salvi: “Settebagni è come una seconda famiglia…..obiettivo salvezza con un grande gruppo”

Alla scoperta di Valerio Salvi, terzino destro della Juniores Elite del Settebagni. Un excursus sulla prima parte di campionato, il gruppo, la nuova società e le ambizioni del numero 2 biancorosso.

 

Intervistatore: Per te si tratta della prima stagione tra le fila biancorosse, cosa ti ha spinto a venire al Settebagni e ora, dopo 4 mesi, sei contento della scelta fatta?

Salvi: Conoscevo la società, ho avuto molti amici nel Settebagni e mi hanno sempre parlato molto bene, sia della squadra sia della società; un altro fattore che mi ha spinto a fare la scelta biancorossa è stato il mister Spagnoli, lo conosco bene e il calcio che propone mi diverte quando gioco e mi piace molto.
Dopo quattro mesi sono convinto di aver fatto la scelta giusta, mi trovo bene con il gruppo, la società ci è sempre accanto anche nei momenti più difficili, il Settebagni è come una seconda famiglia.
Intervistatore: Venerdì nell’ultima partita del 2017 e del girone di andata avete ottenuto una vittoria importante per rimanere attaccati al treno salvezza. Raccontaci il match e la soddisfazione di portare a casa 3 punti in inferiorità numerica.
Salvi: È stata una partita molto difficile, il campo era molto largo e per i primi minuti trovare le misure tra i reparti è stato molto difficile. Quando ci siamo abituati abbiamo iniziato a far girare palla e a creare occasioni importanti, ci hanno annullato un gol, a mio giudizio regolare, abbiamo colpito un palo e sprecato molte occasioni da gol. Nella ripresa con De Angelis abbiamo trovato il vantaggio e da lì è stato tutto in discesa infatti, nonostante l’espulsione di Merciari, abbiamo reagito bene e difeso il risultato senza pericoli sprecando anche qualche pallone che poteva chiudere prima la gara.
Sono 3 punti che valgono doppio sia per la soddisfazione sia per come sono arrivati.
Intervistatore: Il gruppo allestito dal Direttore Salustri é eterogeneo; uno spogliatoio con 2000′,99′ e un gruppo di 98′ a fare da chioccia. Avete trovato un giusto equilibrio o sentite questo piccolo gap generazionale?
Salvi: Lo spogliatoio e il gruppo penso siano il nostro punto di forza, ci troviamo bene fra di noi, ridiamo scherziamo e lavoriamo sodo tutti insieme. Per me la squadra è come un gruppo di fratelli, quando mi sono strappato mi sono stati tutti accanto, mi inviavano mille messaggi ogni giorno per supportarmi nonostante ci conoscessimo a quell’epoca da soli 2 mesi o poco più. La differenza d’età non si sente se non quando in campo i veterani ci danno carica e un apporto importante per arrivare ai 3 punti, avendo più esperienza di noi.
Intervistatore: Uno come te che mette sempre il massimo impegno in ogni incontro, che obiettivi personali e di squadra si é posto per questo 2018?

Salvi: In questo 2018 il primo obiettivo sarà quello di riuscire a salvarci il prima possibile ed arrivare più alti possibile in classifica, sono due partite che non prendiamo gol e spero che la squadra possa dare continuità a questa rete inviolata, personalmente vorrei fare più assist per aiutare i compagni e la squadra e magari, perchè no, fare qualche gol. Non nascondo la voglia di aiutare la squadra con le mie reti, perchè alla fine  l’importante è che il Settebagni vinca.  Fuori dal campo un ultimo obiettivo, non da meno, è la maturità, speriamo bene.

Ringraziamo il calciatore Valerio Salvi e gli facciamo un forte in bocca al lupo per il futuro calcistico e non solo.

Lascia un commento

Top