Sei qui
Home > campionato 2016/2017 > allievi regionali > Andrea Mulas,calciatore classe 2001, fa un bilancio della prima parte della stagione

Andrea Mulas,calciatore classe 2001, fa un bilancio della prima parte della stagione

INTERVISTA realizzata dall’Addetto Stampa del Settebagni ad Andrea Mulas

Siamo in compagnia di Andrea Mulas, uno dei punti fermi della squadra degli allievi regionali. Il giovane ragazzo  sta confermando quanto di buono ha fatto vedere nella passata stagione e si è preso sulle spalle la squadra adesso che sta passando un momento difficile. Abbiamo approfittato per rivolgergli  alcune domande.

  1)Siamo arrivati ormai al giro di boa, qual è il tuo bilancio della prima parte di stagione?

Mulas: Questa prima parte della stagione non è andata  bene,non siamo riusciti infatti a esprimere il gioco che volevamo.La difficoltà maggiore che abbiamo riscontrato è stata la  mentalità di gruppo; non siamo riusciti a capire che se ci impegniamo tutti i risultati  vengono. Sono però sicuro che riusciremo presto ad invertire la rotta e cominceremo a fare punti.

2) Sará sicuramente un campionato difficile e pieno di insidie in cui si sono susseguite molto sensazioni contrastanti;riusciresti a identificare il momento più brutto e il più emozionante di questa stagione?

Mulas: Il momento più brutto è stato sicuramente la partita contro il Fiano Romano dove  siamo arrivati  convinti di poter far risultato ma appena siamo andati in svantaggio non siamo riusciti  a reagire e abbiamo perso una gara che era alla nostra portata. Il momento più emozionante è facile: la vittoria  contro il real Monterotondo dove abbiamo dimostrato ciò che dicevo prima cioè che se ci impegniamo, tutti se lottiamo fino alla fine, possiamo vincere.
3)La società ritiene che,alla luce delle altre compagini presenti nel campionato, la squadra sia attrezzata per raggiungere la salvezza; Cosa manca per fare quel salto in avanti per raggiungere l’obiettivo?

Mulas:Secondo me, conoscendo il gruppo e osservando le prestazioni della squadra,manca la voglio di scendere in campo con la convinzione giusta per questa categoria, consapevoli che tecnicamente ci manca qualcosa ma che con la cattiveria giusto e con l’impegno di tutta la rosa si può fare di più. Spesso ci facciamo prendere dal nervosismo e quella non è cattiveria.

4)Nonostante giochi sotto età hai già avuto l’onore di indossare la fascia di capitano in questa stagione. Cosa vuol dire per te? Che responsabilità in più pensi di avere?
Mulas: La fascia da capitano è simbolo di un ruolo di grande importanza perché un capitano deve esse il leader della squadra, deve motivare i compagni anche quando le cose vanno male e deve aiutare tutti anche il mister ,  a partire dalle piccole cose come la sistemazione del materiale. Le responsabilità che abbiamo in più oltre, a parlare con l’arbitro in campo, riguardano l’essere un leader che riesce a motivare la squadra.

5)Ultima domanda: Qual è il sogno nel cassetto per il 2017?

Mulas: Il mio sogno? Recuperare questo campionato e far vedere a tutti che il Settebagni,con la giusta mentaltà, vale molto di più di quanto ha dimostrato fino ad ora.

 

 

Lascia un commento

Top